Ci occupiamo da diversi anni delle tematiche connesse alla sorveglianza sanitaria con riferimento alla sicurezza sul lavoro. Operiamo a Milano, Roma e in tutta la provincia per piccole o grandi aziende. Contattateci al numero 02.40705812

Medicina del lavoro: l’importanza del medico competente

La medicina del lavoro persegue l’obiettivo di tutelare e garantire la salute dei lavoratori. Ѐ, infatti, quella branca della medicina che si occupa di prevenire, diagnosticare e curare le malattie causate dalle attività lavorative, andando a valutare quale sia il rischio professionale associato a una determinata mansione e sottoponendo i lavoratori a specifici accertamenti clinici. Va, quindi, a verificare quale sia il loro grado di esposizione a certi agenti nocivi riscontrabili in azienda, precedentemente individuati con sopralluoghi mirati. Ciò rientra nelle attività della sorveglianza sanitaria, assicurata all’interno di un’organizzazione aziendale attraverso la figura del medico competente.

Il medico specializzato in medicina del lavoro, ha le competenze e l’esperienza necessarie per riuscire a individuare quali siano i sintomi dovuti alla prolungata esposizione a diversi tipi di agenti nocivi. Tra questi, ad esempio, gli agenti chimici (acidi, basi forti…) che possono essere assimilati dai lavoratori tramite la respirazione, il contato cutaneo o l’ingestione, provocando intossicazioni più o meno acute. Occorre ricordare, anche, gli agenti fisici (radiazioni ionizzanti o non ionizzanti, rumore, vibrazioni…), in grado di procurare diverse conseguenze, e quelli biologici, costituiti da batteri, virus, parassiti e funghi. Tra i fattori di rischio vanno indicati pure quelli psicosociali, come lo stress lavoro correlato.

La medicina del lavoro, così come la sorveglianza sanitaria effettuata all’interno di un’azienda, mira al mantenimento del benessere psicofisico del lavoratore. Effettuata la valutazione dei rischi e ritenuta opportuna la sorveglianza sanitaria, questo obiettivo viene perseguito tramite la designazione da parte del lavoratore di lavoro di un medico competente che operi, per l’appunto, secondo i principi della medicina specializzata nell’ambito lavorativo e del codice etico della Commissione internazionale di salute occupazionale (ICOH). Si tratta di un’organizzazione internazionale, che mira a favorire il progresso scientifico e, la conoscenza di ogni aspetto della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro.

Quando designa un medico competente, il datore di lavoro può decidere di “arruolarlo” in base a tre modalità differenti: questa figura sanitaria, infatti, può svolgere la propria attività come dipendente o collaboratore di una struttura esterna pubblica o privata, come libero professionista o come dipendente del datore di lavoro stesso. In ogni caso, non può rivestire il ruolo di medico competente, ad alcun titolo e in nessuna parte del territorio nazionale, chi è dipendente di una struttura pubblica che svolge compiti di vigilanza. In accordo con il datore di lavoro e ai fini di effettuare accertamenti diagnostici, il medico competente può anche avvalersi della collaborazione di medici specialisti.

Il Servizio Sanitario Nazionale opera nell’ambito della medicina del lavoro tramite le ASL, che da qualche tempo hanno assorbito anche le funzioni dell’ISPESL, l’Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro. All’interno delle Aziende Sanitarie Locali si trova un apposito servizio (il Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro), interno a sua volta al Dipartimento di Prevenzione, cui il lavoratore può rivolgersi in caso di problemi di salute legati all’attività lavorativa svolta. Per prima cosa, comunque, deve rivolgersi al medico competente della sua azienda.

Per conoscere meglio la nostra azienda, per avere un preventivo di spesa oppure semplicemente per incontrare un nostro professionista potete chiedere chiamare il nostro numero 02.40705812 oppure utilizzare il modulo di contatto


Sconto 20% compilando il modulo

RICHIEDI UN PREVENTIVO!