visita medica assunzione

Visita medica assunzione: quali sono le tipologie di visite ai quali può essere sottoposto il lavoratore?

La visita medica in caso di assunzione in cosa consiste

Visita medica e assunzione sono due concetti assolutamente legati tra di loro e resi comuni dall’attività di sorveglianza sanitaria condotta dal medico competente. Lo specifico adempimento imposto dalla normativa in materia di sicurezza sul lavoro prevede infatti che quando c’è una assunzione ci sia anche una visita medica del lavoro che si pone come obiettivo lo stabilire la idoneità del lavoratore alla mansione assegnata. Questo è vero nei casi in cui la mansione preveda la sorveglianza sanitaria, così come stabilito dal decreto 81 2008.

Il documento prodotto dal medico competente si chiama giudizio di idoneità alla mansione e rappresenta un documento vincolante al quale il datore di lavoro deve attenersi nell’assegnare la mansione al lavoratore.

In particolare la normativa riguardante la visita medica e assunzione identifica due tipologie di visita medica: visita medica preventiva in fase preassuntiva e visita medica preventiva (all’avvio della mansione).

La visita preventiva in fase preassuntiva (prima della assunzione formale)

La visita preventiva in fase preassuntiva – come indicato nel decreto 81 2008 – viene fatta prima di essere stati assunti.

In generale queste le visite mediche qui indicate possono essere considerate in tutto e per tutto simili tra di loro in quanto indubbiamente il protocollo sanitario che verrà seguito sarà il medesimo. Se ad esempio un lavoratore videoterminalista deve essere assunto il datore di lavoro può decidere, prima dell’assunzione, di inviarlo alla visita medica preassuntiva (“visita medica preventiva in fase preassuntiva”). Questa visita medica verrà svolta dal medico competente nominato dall’azienda ed ha appunto il compito di stabilire l’idoneità del lavoratore alla mansione che in futuro gli verrà assegnata.

Sulla base del giudizio di idoneità redatto dal medico competente il datore di lavoro avrà quindi la facoltà di decidere, in piena autonomia e sulla base del giudizio del medico competente, se il lavoratore è ritenuto da lui idoneo per quella che sarà la futura mansione oggetto di assunzione in azienda.

La visita medica preventiva in fase preassuntiva rappresenta quindi, per il datore di lavoro, una forma di tutela attraverso la quale potrà essere certo di siglare un contratto di assunzione solo ed esclusivamente ai lavoratori che, successivamente alla visita medica, otterranno una piena idoneità alla mansione da parte del medico competente.

Potrebbe esistere infatti il caso in cui il datore di lavoro decide per la assunzione di un datore di lavoro, rinvia alla visita medica preventiva e questo non risulta idoneo alla mansione assegnata.

La visita preventiva (dopo l’assunzione, ma prima di iniziare a lavorare)

La visita preventiva è quella che si fa dopo essere stati assunti e prima di iniziare materialmente a lavorare. La tipologia di visita medica indicata nella colonna al lato, che viene fata prima della assunzione, è assolutamente a discrezione del datore di lavoro che, sulla base della propria organizzazione aziendale, deciderà se inviare il candidato alla sorveglianza sanitaria prima di firmare il relativo contratto di assunzione. Si tratta di una attività di tipo sanitario del tutto facoltativa e a discrezione della organizzazione aziendale.

Diverso discorso riguarda invece la visita medica fatta dopo la assunzione e prima dell’invio alla mansione assegnata. In questo caso si tratta invece di visita medica preventiva e rappresenta un obbligo per il datore di lavoro per tutte quelle mansioni che prevedono appunto l’introduzione della sorveglianza sanitaria.

La visita medica preventiva non sarà quindi una visita medica “generale”, per esempio nell’ambito dei videoterminalisti non verificherà il consumo di droga in quanto la mansione di videoterminalista non è collegata con l’uso di droghe, sebbene questo sia vietato per Legge.

La visita medica all’atto della assunzione o visita medica preventiva – prima dell’invio alla mansione, si pone quindi come obiettivo solo ed esclusivamente la verifica della idoneità alla mansione e quindi verranno svolti, da parte del medico competente nominato, solo ed esclusivamente i controlli pertinenti alla mansione assegnata.

Immaginate quindi di dover ottenere una sorta di lasciapassare da parte del medico competente, il quale, attraverso la visita medica, stabilisce appunto se siete idonei alla mansione che il datore di lavoro vi ha assegnato.

sorveglianza sanitaria
sicurezza sul lavoro
formazione dei lavoratori
scrivici per un consulto

    Approfondimenti

    Il Decreto Legislativo 81 2008. Il Testo Unico di sicurezza sul lavoro

    Quali sono le disposizioni di Legge contenute nel decreto legge 81 2008? Cosa porta alla attuale normativa e come adempiere alle numerose indicazioni del legislatore ed evitare sanzioni importanti?

    leggi altro
    Il videoterminalista e la sorveglianza sanitaria

    La mansione di videoterminalista ed i rischi connessi a questa mansione. Chi è considerato videoterminali e quali sono i principali fattori di rischio che si identificano attraverso la sorveglianza sanitaria.

    leggi altro
    La sorveglianza sanitaria eccezionale ai tempi del COVID

    La sorveglianza sanitaria è obbligatoria nei casi specifici individuati dalla normativa vigente o a seguito della valutazione dei rischi aziendali. Vediamo quali sono i casi con degli esempi.

    leggi altro
    Giudizio di idoneità alla mansione stabilita dal medico competente

    Il giudizio di idoneità rappresenta il documento attraverso il quale, il medico competente, stabilisce l’idoneità del lavoratore alla mansione senza la quale si rischiano pesanti sanzioni in capo al datore di lavoro.

    leggi altro
    Sorveglianza sanitaria e medicina del lavoro a Milano

    Presso la nostra sede di Milano vengono erogati i servizi di medicina del lavoro e sorveglianza sanitaria. Consulta questa pagina per avere maggiori dettagli sul tema.

    leggi altro
    Protocollo Sanitario

    Il protocollo sanitario è un documento obbligatorio, Redatto dal medico competente, che contiene le visite mediche a cui devono essere sottoposti i lavoratori sulla base della valutazione dei rischi aziendali.

    leggi altro
    Sorveglianza Sanitaria Obbligatoria: quando scatta l’obbligo

    La sorveglianza sanitaria è obbligatoria nei casi specifici individuati dalla normativa vigente o a seguito della valutazione dei rischi aziendali. Vediamo quali sono i casi con degli esempi.

    leggi altro
    Visita medica e assunzione: in cosa consiste

    Nel caso in cui sussistano determinati elementi specifici allora il lavoratore deve essere sottoposto alla visita medica all’assunzione. Esistono diverse tipologie di visite preventive: vediamo quali.

    leggi altro
    Siete alla ricerca di un medico competente per la sorveglianza sanitaria?