SorveglianzaSanitaria.com - per la nomina del medico competente ai lavoratori

Le visite mediche ai lavoratori (dipendenti, somministrati, interinali o in generale lavoratori)

Le visite mediche ai lavoratori, perchè sono necessarie?

Le visite mediche lavoratori rientrano tra le tante attività previste all’interno della sorveglianza sanitaria, effettuata in una determinata azienda o organizzazione tramite l’atto, da parte del datore di lavoro, di nomina del medico competente. Spesso si usa il termine “dipendenti” e si parla quindi di visite mediche ai dipendenti, ma tale terminologia non è prevista dalla normativa che tratta tutte le persone che operano all’interno di una struttura allo stesso modo, indipendentemente dalla forma contrattuale.

Tali visite ai dipendenti seguono i contenuti del protocollo sanitario aziendale redatto dal medico competente. L’obiettivo di questi controlli sanitari è verificare lo stato di salute e l’idoneità fisica di chi si avvia a svolgere precise mansioni lavorative. La sorveglianza sanitaria eccezionale tutela, poi, i lavoratori fragili.

In termini di sanzioni è di fondamentale importanza ricordare che l’assenza delle visite mediche ai dipendenti è punita come violazione importante per quanto riguarda la normativa. Ispezioni da parte di INAIL, l’Ispettorato del Lavoro e ATS di riferimento possono dar luogo a sanzioni importanti in caso di mancato adempimento.

Lo stato di salute è l’elemento che determina infatti la cosiddetta idoneità alla mansione ovvero un giudizio stabilito dal medico competente attraverso il quale egli stabilisce che il lavoratore può svolgere correttamente la mansione che viene assegnata dal datore di lavoro.

Quali tipi di visite mediche possono essere fatte ai lavoratori?

Il medico competente può effettuare le seguenti visite mediche lavoratori: visita medica preventiva, che va fatta dopo l’assunzione e prima che si venga adibiti a una specifica mansione e il cui scopo è quello di verificare se il lavoratore possa andare incontro a delle controindicazioni, durante lo svolgimento dell’attività lavorativa.

Visita medica periodica: per controllare lo stato di salute del lavoratore nel corso del tempo. La periodicità delle visite periodiche dipende dalla tipologia di mansione assegnata più elevato è il rischio connesso alla salute del lavoratore e maggiore sarà la frequenza con cui dovranno essere svolte le visite mediche periodiche.

Visita medica su richiesta del lavoratore: che può essere effettuate qualora il lavoratore ritenga necessario un intervento da parte del medico competente al fine di verificare il suo stato di salute.

La visita medica, stabilita dal decreto 81 2008, dovrà indubbiamente essere svolta ad esempio anche in occasione del cambio di mansione qualora i fattori di rischio a cui sono esposti i lavoratori risultino essere differenti da quelli per cui è stata fatta la visita originale.

Infine alcune tipologie di mansioni prevedono le visite mediche per i lavoratori in occasione della cessazione del rapporto di lavoro al fine di stabilire che la mansione svolta non ha compromesso lo stato di salute.

I diversi tipi di visite cui possono essere sottoposti i lavoratori (a volte chiamati anche dipendenti – anche se la normativa non usa questo termine) sono indicati dall’art. 41 del D. Lgs. 81/2008, che disciplina tutto ciò che riguarda la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro.

Le visite mediche periodiche ai lavoratori dipendenti

Tra le visite mediche lavoratori, a volte chiamati dipendenti, vanno ricordate pure la visita medica preventiva in fase preassuntiva e quella precedente alla ripresa del lavoro, dopo essersi assentati per più di 60 giorni continuativi, a causa di problemi di salute.

I controlli precedentemente indicati, invece, non possono essere effettuati in caso si voglia accertare lo stato di gravidanza di determinate lavoratrici o in altre situazioni previste dalla legge in vigore. Le viste mediche predisposte dal medico competente includono, in base all’art. 41 del D. Lgs. 81/2008, sia esami clinici e biologici sia indagini diagnostiche. In particolare, durante i controlli di tipo preventivo, periodico e in occasione del cambio di mansione o durante le visite preventive in fase preassuntiva e quelle precedenti alla ripresa del lavoro, si può anche controllare se il lavoratore sia o meno dipendente da alcol o dall’assunzione di sostanze psicotrope e stupefacenti – sempre a condizione che la tipologia di mansione preveda queste specifiche visite.

In base agli esiti ottenuti dalle visite mediche effettuate, il medico competente può ritenere un lavoratore idoneo, idoneo parziale, temporaneo o permanente, inidoneo temporaneo o inidoneo permanente. Il giudizio va riportato per iscritto e una copia consegnata sia al lavoratore sia al datore di lavoro. Nel caso in cui venga prevista una inidoneità, il datore di lavoro deve adibire il lavoratore a mansioni uguali oppure inferiori a quelle precedentemente svolte, garantendo sempre lo stesso trattamento di prima.

I diversi tipi di visite cui possono essere sottoposti i lavoratori (a volte chiamati anche dipendenti – anche se la normativa non usa questo termine) sono indicati dall’art. 41 del D. Lgs. 81/2008, che disciplina tutto ciò che riguarda la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro.

sorveglianza sanitaria
sicurezza sul lavoro
formazione dei lavoratori
scrivici per un consulto

    Approfondimenti

    Il Decreto Legislativo 81 2008. Il Testo Unico di sicurezza sul lavoro

    Quali sono le disposizioni di Legge contenute nel decreto legge 81 2008? Cosa porta alla attuale normativa e come adempiere alle numerose indicazioni del legislatore ed evitare sanzioni importanti?

    leggi altro
    Il videoterminalista e la sorveglianza sanitaria

    La mansione di videoterminalista ed i rischi connessi a questa mansione. Chi è considerato videoterminali e quali sono i principali fattori di rischio che si identificano attraverso la sorveglianza sanitaria.

    leggi altro
    La sorveglianza sanitaria eccezionale ai tempi del COVID

    La sorveglianza sanitaria è obbligatoria nei casi specifici individuati dalla normativa vigente o a seguito della valutazione dei rischi aziendali. Vediamo quali sono i casi con degli esempi.

    leggi altro
    Giudizio di idoneità alla mansione stabilita dal medico competente

    Il giudizio di idoneità rappresenta il documento attraverso il quale, il medico competente, stabilisce l’idoneità del lavoratore alla mansione senza la quale si rischiano pesanti sanzioni in capo al datore di lavoro.

    leggi altro
    Sorveglianza sanitaria e medicina del lavoro a Milano

    Presso la nostra sede di Milano vengono erogati i servizi di medicina del lavoro e sorveglianza sanitaria. Consulta questa pagina per avere maggiori dettagli sul tema.

    leggi altro
    Protocollo Sanitario

    Il protocollo sanitario è un documento obbligatorio, Redatto dal medico competente, che contiene le visite mediche a cui devono essere sottoposti i lavoratori sulla base della valutazione dei rischi aziendali.

    leggi altro
    Sorveglianza Sanitaria Obbligatoria: quando scatta l’obbligo

    La sorveglianza sanitaria è obbligatoria nei casi specifici individuati dalla normativa vigente o a seguito della valutazione dei rischi aziendali. Vediamo quali sono i casi con degli esempi.

    leggi altro
    Visita medica e assunzione: in cosa consiste

    Nel caso in cui sussistano determinati elementi specifici allora il lavoratore deve essere sottoposto alla visita medica all’assunzione. Esistono diverse tipologie di visite preventive: vediamo quali.

    leggi altro
    Siete alla ricerca di un medico competente per la sorveglianza sanitaria?