Modifiche al Green Pass in azienda / Conversione Legge 19 novembre 2021

Rilevanti modifiche alla procedura di Green Pass, contenute nella conversione in Legge del D.L. 127/2021 (ora legge di conversione 19 novembre 2021, n. 165)

Legge 19 novembre 2021, n. 165

La conversione in Legge del D.L. 127/2021 è un atto tecnico necessario per convertire in Legge un Decreto Legge, che altrimenti sarebbe scaduto. Sappiamo infatti che la durata di un Decreto Legge è di 60 giorni dalla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il Parlamento ha quindi convertito in Legge il D.L. 127/2021 con la Legge 19 novembre 2021, n. 165, Misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di screening.

Le misure si concentrano principalmente su cinque punti: informativa ai lavoratori, lavoratori in somministrazione, campagna di informazione ai lavoratori per il tramite del medico competente, consegna green pass al datore di lavoro e scadenza durante il turno di lavoro.

Informativa ai lavoratori

Il datore di lavoro deve fornire un’idonea informativa ai lavoratori e alle rispettive rappresentanze circa la predisposizione delle nuove modalità organizzative adottate per le verifiche del Green Pass.

A livello puramente teorico, se i Clienti dello Studio hanno seguito attentamente le istruzioni fornite, deve essere fatto nulla in quanto tutti i Clienti assistiti dovrebbero avere già predisposto l’idonea informativa che lo Studio ha redatto in bozza e messo a disposizione della clientela nella cartella del cloud;

Lavoratori in somministrazione

Per i lavoratori in somministrazione la verifica compete all’utilizzatore. Questo significa che eventuali lavoratori distaccati presso le sedi di terzi e utilizzati da altre aziende saranno oggetto di verifica del Green Pass da parte dell’utilizzatore. Questo specifico adempimento alleggerisce di molto la burocrazia per le aziende che hanno dipendenti in forza presso la sede di terze aziende.

Campagna informativa

Le aziende, per il tramite del proprio medico competente, possono attuare campagne informative sulla importanza della vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2. Si tratta di un tentativo per sensibilizzare i lavoratori reticenti alla vaccinazione.

Consegna del Green Pass al datore di lavoro

Il lavoratore può richiedere di consegnare al proprio datore di lavoro copia della propria certificazione verde. I lavoratori che consegna la predetta certificazione per tutta la durata della relativa validità sono esentati dai controlli da parte dei rispettivi datori di lavoro.

Attenzione: non è il datore di lavoro che chiede, è il lavoratore che fa richiesta di consegnare per evitare i controlli.

Sul tema, tuttavia, si è espresso il Garante a Protezione dei Dati Personali con non poche preoccupazioni e, a meno che non siate pienamente consapevoli delle conseguenze degli obblighi di Legge in materia di trattamento dei “dati particolari” e dei relativi adempimenti imposti dal GDPR, sconsiglio vivamente di procedere in questa direzione specie nelle aziende più attente alla compliance, in quanto questo specifico trattamento richiede ingenti adempimenti burocratici in materia di GDPR (confrontatevi con il Vostro consulente sul tema).

Scadenza del Green Pass durante il turno

Nel caso in cui al lavoratore scadesse il Green Pass durante il turno di lavoro non sono previste sanzioni e il lavoratore si potrà trattenere il minor tempo possibile fino al termine del proprio turno di lavoro.

In conclusione

In conclusione al tema dell’obbligo di green pass in ufficio si raccomanda tutte le aziende di porre in essere gli adempimenti previsti per legge in quanto sono espressamente indicate delle sanzioni a carico del datore di lavoro che non dovesse adempiere. Inoltre questo genere di cose possono aprire le porte alle autorità ispettiva che potrebbero estendere il controllo ad altra documentazione che, fisiologicamente, potrebbe non essere allineata al 100%.

Si raccomanda per esempio di creare un dialogo con i lavoratori in modo che il tema del certificato verde non venga visto come una in mera imposizione (quale è) ma comunque che cosa volto alla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nel luogo di lavoro, sebbene questi siano risultati storicamente, nel corso della pandemia, tra i luoghi più sicuri.

È bene in questi casi aprire un dialogo anche con il medico competente preposto alla attività di sorveglianza sanitaria nonché con il proprio RSPP esterno il quale saprà supportare il datore di lavoro in questi adempimenti.

sorveglianza sanitaria
sicurezza sul lavoro
formazione dei lavoratori
scrivici per un consulto

    Approfondimenti

    Il Decreto Legislativo 81 2008. Il Testo Unico di sicurezza sul lavoro

    Quali sono le disposizioni di Legge contenute nel decreto legge 81 2008? Cosa porta alla attuale normativa e come adempiere alle numerose indicazioni del legislatore ed evitare sanzioni importanti?

    leggi altro
    Il videoterminalista e la sorveglianza sanitaria

    La mansione di videoterminalista ed i rischi connessi a questa mansione. Chi è considerato videoterminali e quali sono i principali fattori di rischio che si identificano attraverso la sorveglianza sanitaria.

    leggi altro
    La sorveglianza sanitaria eccezionale ai tempi del COVID

    La sorveglianza sanitaria è obbligatoria nei casi specifici individuati dalla normativa vigente o a seguito della valutazione dei rischi aziendali. Vediamo quali sono i casi con degli esempi.

    leggi altro
    Giudizio di idoneità alla mansione stabilita dal medico competente

    Il giudizio di idoneità rappresenta il documento attraverso il quale, il medico competente, stabilisce l’idoneità del lavoratore alla mansione senza la quale si rischiano pesanti sanzioni in capo al datore di lavoro.

    leggi altro
    Sorveglianza sanitaria e medicina del lavoro a Milano

    Presso la nostra sede di Milano vengono erogati i servizi di medicina del lavoro e sorveglianza sanitaria. Consulta questa pagina per avere maggiori dettagli sul tema.

    leggi altro
    Protocollo Sanitario

    Il protocollo sanitario è un documento obbligatorio, Redatto dal medico competente, che contiene le visite mediche a cui devono essere sottoposti i lavoratori sulla base della valutazione dei rischi aziendali.

    leggi altro
    Sorveglianza Sanitaria Obbligatoria: quando scatta l’obbligo

    La sorveglianza sanitaria è obbligatoria nei casi specifici individuati dalla normativa vigente o a seguito della valutazione dei rischi aziendali. Vediamo quali sono i casi con degli esempi.

    leggi altro
    Visita medica e assunzione: in cosa consiste

    Nel caso in cui sussistano determinati elementi specifici allora il lavoratore deve essere sottoposto alla visita medica all’assunzione. Esistono diverse tipologie di visite preventive: vediamo quali.

    leggi altro
    Siete alla ricerca di un medico competente per la sorveglianza sanitaria?