vaccino in azienda

Protocollo vaccini in azienda: la lotta contro il COVID in azienda

Il protocollo per i vaccini in azienda

Le indicazioni relative al protocollo vaccini in azienda e la conseguente possibilità di vaccinarsi sul luogo di lavoro rappresentano l’ultimo miglio della lotta al COVID-19 nel nostro paese e la possibilità di questo adempimento è stata di recente introdotta da normative regionali che in qualche modo vogliono incrociare il decreto 81 2008 per la sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro.

La Giunta regionale ha approvato il documento tecnico che regolamenta e disciplina le linee guida che erano state redatte tra regione ed aziende. L’obiettivo della campagna vaccinale in azienda è quello di rendere ancora più efficiente la campagna esistente creando un secondo canale vaccinale, parallelo a quello ufficiale, per somministrare i vaccini nel mondo delle imprese grazie a progetti aziendali supportati dalla pubblica amministrazione.

Questo processo, di vaccino in azienda, stabilito da un rigoroso protocollo, permette di velocizzare la campagna vaccinale regionale aggiungendo un canale prioritario al canale ufficiale e intercettando quindi in maniera più capillare il fabbisogno vaccinale della cittadinanza operante sul territorio lombardo.

.

Posso iscrivere la mia azienda per il vaccino?

In linea puramente teorica non esiste un numero minimo di lavoratori al di sotto del quale la campagna vaccinale non è possibile. La campagna è infatti rivolta alle attività produttive.

La Legge infatti non parla di un numero minimo in maniera specifica. Va detto tuttavia che per poter eseguire il vaccino in azienda esistono dei requisiti minimi di carattere strutturale al di sotto dei quali non esiste nemmeno la possibilità che la domanda venga presa in considerazione.

La disponibilità di vaccini è infatti un fattore determinante per quanto riguarda la possibilità di attivare “canali secondari di vaccinazione” e quindi fintanto che la disponibilità degli stessi sarà limitata è fisiologico il fatto che la ATS approverà solo ed esclusivamente vaccinazioni nelle aziende che possono garantire un certo numero che potremmo definire “consistente”.

Quali sono le disposizioni logistiche per poter eseguire la procedura di vaccino in azienda?

Secondo le disposizioni operative la somministrazione del vaccino deve avvenire in una area dedicata dell’azienda (che deve però rispondere a determinati requisiti) oppure in una struttura privata. In entrambi i casi gli spazi devono sottostare a requisiti logistici ben specifici quali ad esempio evitare l’affollamento e disporre di una idonea stanza per il riposo del lavoratore dopo il vaccino, per verificare che non avvengano reazioni allergiche. Disporre di queste condizioni è un elemento fondamentale per la corretta esecuzione del processo di vaccinazione in azienda.

Le disposizioni di Legge, per la regione Lombardia, seguono quanto indicato dal DGR 4401 del 10 marzo 2021 e la DGR 4768 del 24 maggio 2021 che ha integrato la precedente disposizione di Legge recependo il documento “Indicazioni ad interim per la vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 nei luoghi di lavoro” approvato dalla Conferenza delle Regioni e PP.AA. l’8 aprile 2021.

Chi somministra il vaccino in azienda?

vaccino in aziendaIl protocollo prevede in sostanza che il vaccino venga somministrato dal medico competente aziendale, se nominato. In caso alternativo il vaccino in azienda viene somministrato dal medico della struttura sanitaria con il quale viene stipulata la specifica convenzione utile per attivare il servizio di vaccini in azienda contro il virus COVID-19.

La possibilità di vaccino in azienda è rivolta ai lavoratori che operano all’interno di una determinata struttura, indipendentemente dalla tipologia contrattuale ed indipendentemente dal comune di residenza o domicilio ma le disposizioni di Legge cambiano con molta frequenza.

Per poter usufruire della campagna vaccinale in azienda il datore di lavoro ci conferisce l’incarico di predisporre il piano aziendale di adesione alla campagna vaccinale anti Covid-19 nelle aziende. Questo piano aziendale di adesione alla campagna di vaccini in azienda verrà poi sottoposto alla ATS di riferimento per il benestare.

sicurezza sul lavoro
formazione dei lavoratori
scrivici per un consulto

    Approfondimenti

    Il Decreto Legislativo 81 2008. Il Testo Unico di sicurezza sul lavoro

    Quali sono le disposizioni di Legge contenute nel decreto legge 81 2008? Cosa porta alla attuale normativa e come adempiere alle numerose indicazioni del legislatore ed evitare sanzioni importanti?

    leggi altro
    Il videoterminalista e la sorveglianza sanitaria

    La mansione di videoterminalista ed i rischi connessi a questa mansione. Chi è considerato videoterminali e quali sono i principali fattori di rischio che si identificano attraverso la sorveglianza sanitaria.

    leggi altro
    La sorveglianza sanitaria eccezionale ai tempi del COVID

    La sorveglianza sanitaria è obbligatoria nei casi specifici individuati dalla normativa vigente o a seguito della valutazione dei rischi aziendali. Vediamo quali sono i casi con degli esempi.

    leggi altro
    Giudizio di idoneità alla mansione stabilita dal medico competente

    Il giudizio di idoneità rappresenta il documento attraverso il quale, il medico competente, stabilisce l’idoneità del lavoratore alla mansione senza la quale si rischiano pesanti sanzioni in capo al datore di lavoro.

    leggi altro
    Sorveglianza sanitaria e medicina del lavoro a Milano

    Presso la nostra sede di Milano vengono erogati i servizi di medicina del lavoro e sorveglianza sanitaria. Consulta questa pagina per avere maggiori dettagli sul tema.

    leggi altro
    Protocollo Sanitario

    Il protocollo sanitario è un documento obbligatorio, Redatto dal medico competente, che contiene le visite mediche a cui devono essere sottoposti i lavoratori sulla base della valutazione dei rischi aziendali.

    leggi altro
    Sorveglianza Sanitaria Obbligatoria: quando scatta l’obbligo

    La sorveglianza sanitaria è obbligatoria nei casi specifici individuati dalla normativa vigente o a seguito della valutazione dei rischi aziendali. Vediamo quali sono i casi con degli esempi.

    leggi altro
    Visita medica e assunzione: in cosa consiste

    Nel caso in cui sussistano determinati elementi specifici allora il lavoratore deve essere sottoposto alla visita medica all’assunzione. Esistono diverse tipologie di visite preventive: vediamo quali.

    leggi altro
    Siete alla ricerca di un medico competente per la sorveglianza sanitaria?